Degustare il caffè è un’arte, perché la nostra adorata bevanda può vantare un denso aroma di malto, profumare di rosa, ma anche ricordare il gusto delle medicine. Incredibile vero? Eppure la degustazione caffè annovera un lessico complesso, molto simile a quello che viene impiegato dai sommelier nelle loro degustazioni di vini e pregiati liquori. Si tratta di un lessico che è in continuo aggiornamento e che guarda all’analisi organolettica della bevanda.

Degustazione caffè: una ruota aiuterà chi la mette in pratica

Per rendere più facile la degustazione caffè e per offrire uno strumento di utile uso comune, la Scaa, ovvero la Specialty Coffee Association of America ha raccolto tutti i possibili gusti e tutti gli aromi conosciuti che la bevanda può presentare in una tavola, anzi in una ruota tutta dedicata ai degustatori.
Si tratta di un aggiornamento che arriva dopo 21 anni di distanza dalla sua istituzione e che attualmente contempla ben 85 voci. Si va dalla camomilla al cioccolato fondente, dalla muffa fino al petrolio, in tripudio di sapori e aromi che talvolta possono risultare difficili da associare ad una semplice tazzina di buon caffè. Eppure si tratta di un universo affascinante, perché per completare la ruota della degustazione caffè i ricercatori hanno lavorato fianco a fianco con gli esperti della a World Coffee Research.

Degustazione caffè: verso la nascita di un vocabolario dedicato

Si tratta del preludio alla nascita di un vocabolario nuovo, ma tutto dedicato alla degustazione caffè e che potrà vantare ben 110 parole e attributi forti di possedere riferimenti precisi dal punto di vista scientifico. L’obiettivo è di dare vita ad una sorta di ‘piattaforma lessicale’ che sia comune a tutte le persone che per lavoro degustano caffè e che per passione scelgono di scoprire le sue caratteristiche in modo più preciso profondo attraverso una degustazione caffè dai tratti iper raffinati.